Un divano a Tunisi: il racconto leggero della condizione femminile in Tunisia

Va in onda giovedì 19 agosto alle 21:15, in prima visione su Sky Cinema Due, il film commedia Un divano a Tunisi, opera che, nel 2019, ha segnato il debutto della regista franco-tunisina da Manele Labidi. La pellicola è disponibile anche su NOW.

Selma Derwish (Golshifteh Farahani) è una giovane donna franco-tunisina che, dopo essersi trasferita con suo padre a Parigi, si è laureata in psicoanalisi. A seguito dei moti della Primavera Araba, e il conseguente esilio del presidente Ben Alì, Selma sente il bisogno di dare il proprio contributo alla causa e decide di tornare a vivere a Tunisi per svolgervi la sua professione e poter così aiutare i propri concittadini a superare i traumi della guerra.

Nonostante i parenti provino a farle cambiare idea la donna apre il suo studio e ben presto viene travolta da una serie di eccentrici personaggi: l’imam che ha perso fede e moglie, il panettiere che indossa abiti da donna, la parrucchiera che ha un rapporto conflittuale con la madre, un paranoico ossessionato da presidenti e dittatori, un’adolescente che vuole scappare dalla Tunisia.

Selma sarà costretta a combattere pregiudizi, ignoranza e diffidenza oltre a fare i conti con un’amministrazione negligente e con Naïm (Majd Mastoura), uno scrupoloso poliziotto che cerca di sabotarla.

Il film, pur affrontando il tema della condizione femminile nella società tunisina, per molti aspetti ancora retrograda, patriarcale e maschilista, offre una ricca successione di scene esilaranti (specie nelle sedute coi pazienti), garantendo un’alta componente di comicità.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST