Netflix annuncia le future serie italiane: da Matilda De Angelis in Lidia Poët ai Briganti. Parla Tinny Andreatta

Netflix ha svelato oggi le serie tv di produzione italiana che verranno pubblicate in streaming nei prossimi anni: la linea tracciata da Tinny Andreatta, Vice Presidente delle Serie Originali Italiane Netflix, abbraccia generi e mondi narrativi diversi basati sia su storie vere che di finzione o provenienti da libri.

L’obiettivo dichiarato è quello di dare vita a uno storytelling in grado di intrattenere un pubblico variegato, che faccia esplodere i tabù culturali e provi a superarli.

Il nuovo racconto italiano di Netflix si apre a tematiche attuali: ad esempio Tutto chiede salvezza, liberamente tratta dall’omonimo romanzo di Daniele Mencarelli – vincitore del Premio Strega Giovani 2020 -, racconta la forza e la fragilità della generazione dei più giovani attraverso l’esperienza, sconvolgente ma formativa, del trattamento sanitario obbligatorio. La serie, di cui sono da pochi giorni iniziate le riprese, vedrà Federico Cesari nel ruolo del protagonista.

Rileggere il presente usando la chiave del period drama è un’altra sfida che Netflix si prefigge di percorrere con Briganti Lidia Poët con il racconto di altre epoche con punti di vista innovativi, raccontando ciò che è stato e ciò che avrebbe potuto essere.

Briganti è un racconto moderno, epico e pieno d’azione, ispirato a personaggi realmente esistiti nell’Italia postunitaria. Un fenomeno maschile nella memoria storica italiana sarà però declinato e reinventato con lo sguardo femminile di Filomena, Michelina e Ciccilla, le eroine della serie.

Lidia Poët, invece, rivelerà in chiave light crime una storia sconosciuta al grande pubblico e che parla di emancipazione femminile: Lidia, interpretata da Matilda De Angelis, è infatti la prima avvocatessa in Italia, ostacolata dalla legge in quanto donna nel compiere la sua missione, ma caparbia nel superare ogni ostacolo. Le riprese partiranno fra pochi giorni, il 20 settembre.

Invece Nemesis pone al centro della storia personaggi ambigui ed enigmatici, in un costante gioco di specchi. Una vicenda legale in cui i riflettori sono puntati alle sfumature del buono e del cattivo.

Un titolo già conosciuto è invece l’adattamento de La vita bugiarda degli adulti, dal romanzo di Elena Ferrante: è stato confermato Edoardo De Angelis alla regia mentre Valeria Golino è stata ingaggiata nel ruolo di Vittoria, la zia della protagonista Giovanna.

Le nuove serie si uniscono alle produzioni seriali italiane già annunciate ed in vari stadi di produzione tra cui Luna Park, in uscita il prossimo 30 Settembre; Guida Astrologica per Cuori Infranti, basata sull’omonimo libro di Silvia Zucca; Strappare lungo i bordi, la prima serie di animazione scritta e diretta da Zerocalcare; Incastrati di e con Ficarra e Picone e Fedeltà, ispirata al libro di Marco Missiroli, finalista al 73° Premio Strega e vincitore del Premio Strega Giovani.

Tinny Andreatta – Vice Presidente delle Serie Originali Italiane Netflix – ha affermato: «Poter raccontare al mondo l’Italia com’è veramente, nella sua autenticità, nella sua cultura, nella bellezza e nelle contraddizioni, nelle sue radici e infinite riserve del nostro immaginario, attraverso la voce dei migliori autori e registi, e portarlo in 190 Paesi è la nostra grande sfida: una sfida che vogliamo affrontare insieme ai nostri partner produttori ed ai talenti italiani. Vogliamo rappresentare un’umanità di cui sia possibile sentirsi parte, coinvolti nel divertimento, nella commozione, nelle idee e nella compartecipazione: storie autentiche, locali e uniche, ma che possono aprirsi al mondo».

Ecco nel dettaglio, con tutti i riferimenti tecnici, le serie presentate da Netflix:

Briganti

L’avventurosa trasformazione  di Filomena, da moglie obbediente a spietata brigantessa, avviene per necessità: braccata e in fuga cerca riparo nei boschi dove incontra una banda di briganti pronti a tutto. La sua determinazione e astuzia le salveranno la vita e, unendosi a loro, decide di ridare al sud quel che gli era stato rubato: l’oro di Garibaldi. Sul suo percorso due donne, Michelina e Ciccilla, a volte alleate a volte nemiche, altrettanto determinate e imprevedibili. Ispirato a personaggi realmente esistiti, un racconto moderno, epico e pieno d’azione.

Prodotta da Fabula Pictures, scritta da GRAMS.

Lidia Poët

Torino,1884. Una sentenza della Corte impedisce a Lidia Poët di esercitare la professione di avvocato perchè donna. Senza un quattrino ma piena di orgoglio, Lidia chiede al fratello Enrico un lavoro presso il suo studio legale e prepara un ricorso, decisa a ribaltare le conclusioni della Corte. Attraverso uno sguardo che va oltre il suo tempo, Lidia si occupa degli indagati ricercando la verità dietro le apparenze e i pregiudizi. Jacopo, un misterioso giornalista e cognato di Lidia, le passa informazioni e la guida nei mondi nascosti di una Torino magniloquente .

La serie rilegge in chiave light procedural le storia vera di Lidia Poët, la prima donna avvocato d’Italia.

  • Prodotta da Groenlandia
  • Una serie di Guido Iuculano e Davide Orsini
  • Scritta da Guido Iuculano, Davide Orsini, Elisa Dondi, Daniela Gambaro, Paolo Piccirillo
  • Diretta da Matteo Rovere e Letizia Lamartire
  • Con Matilda De Angelis nel ruolo della protagonista Lidia

Nemesis

Cosa fa di noi quello che siamo: la genetica o le condizioni sociali ed economiche in cui siamo cresciuti? Quanta parte del nostro destino è già decisa alla nascita?

Diana è un’avvocata che viene dal niente ed è arrivata al più prestigioso studio legale di Milano dove si trova a difendere Tommaso, erede di una ricchissima famiglia di imprenditori, accusato dell’omicidio di sua moglie Gloria. Il caso è subito difficile perche’ l’uomo appare allo stesso tempo innocente e colpevole, vittima e carnefice, amorevole e traditore.  

Durante il processo, Diana dovrà dipanare un filo che si perde nel passato. E per farlo dovrà riconciliarsi con la versione più oscura di sé che lotta per venire alla luce.

Prodotta da Indigo Film, creata da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo.

Tutto chiede salvezza

Finire per sette giorni sotto regime di Tso, vuol dire essere pazzi? È quello che si chiede Daniele, un ventenne con un eccesso di sensibilità, che dopo una crisi psicotica si risveglia nella camerata di un reparto psichiatrico, assieme a cinque improbabili compagni di stanza con cui pensa di non avere niente in comune, pressato dai medici che gli vogliono frugare nel cervello, e accudito da infermieri che gli sembrano cinici e disinteressati.

Ma sette giorni sono lunghi e quella che all’inizio gli sembrava una condanna pian piano si trasforma in una delle esperienze più intense e formative della sua vita.

Una dramedy delle esistenze che recupera la radice della nostra migliore commedia amara, riletta in chiave contemporanea, come in un grido d’aiuto, straziante ma pieno di speranza, da parte delle nuove generazioni e del loro enigmatico disagio di vivere.

  • Prodotta da Picomedia
  • Scritta da Francesco Bruni, Daniele Mencarelli, Daniela Gambaro, Francesco Cenni
  • Liberamente tratta dall’omonimo romanzo di Daniele Mencarelli, Premio Strega Giovani 2020, Mondadori.
  • Diretta da Francesco Bruni
  • Con Federico Cesari nel ruolo del protagonista Daniele

La vita bugiarda degli adulti

La vita bugiarda degli adulti è un ritratto potente e singolare del passaggio di Giovanna dall’infanzia all’adolescenza negli anni Novanta. La ricerca di un nuovo volto, dopo quello felice dell’infanzia, oscilla tra due Napoli consanguinee che però si temono e si detestano: la Napoli di sopra, che s’è attribuita una maschera fine, e quella di sotto, che si finge smodata, triviale. Giovanna oscilla tra alto e basso, ora precipitando ora inerpicandosi, disorientata dal fatto che, su o giù, la città pare senza risposta e senza scampo.

  • Prodotta da Fandango
  • Tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, edito da Edizioni E/O
  • Scritta da Laura Paolucci, Francesco Piccolo, Elena Ferrante, Edoardo De Angelis
  • Diretta da Edoardo De Angelis
  • Con Valeria Golino nel ruolo di Vittoria, la zia della protagonista Giovanna
Ruben Trasatti
Fondatore di TeleNauta.it, pieno di idee, specialista in creatività, testardo, idealista. Vado a scovare le cose più strane nei meandri del web: ascolti dei canali europei, format e serie tv, anime giapponesi. In più collaboro per il settimanale Telesette.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST