Nero a metà: la terza stagione della serie con Claudio Amendola su Rai 1 e Rai Play

Da questa sera su Rai 1 (e in streaming su Rai Play) torna la serie crime Nero a metà, diretta da Marco Pontecorvo e interpretata, nei ruoli principali, da Claudio Amendola e Miguel Gobbo Diaz. La terza stagione, originariamente prevista per il prossimo autunno, è stata anticipata a seguito del rinvio di Sopravvissuti (annunciata in grande stile durante l’ultimo Festival di Sanremo).

Tornano, così, le indagini dell’ispettore Carlo Guerrieri, interpretato da Claudio Amendola, operante presso il commissariato del Rione Monti, del giovane viceispettore Malik Soprani, interpretato da Miguel Gobbo Diaz, e di Alba Guerrieri (Rosa Diletta Rossi), la figlia di Carlo, medico legale. Malik, originario della Costa d’Avorio, è stato adottato da Alice (Sandra Ceccarelli) e il suo arrivo nel commissariato ha creato un certo scompiglio, tanto che Alba ha cominciato a provare dei sentimenti per lui nonostante la convivenza con Riccardo, che ha lasciato per vivere una storia complicata con il suo collega.

Nel cast della serie figurano anche Fortunato Cerlino (Mario Muzo, sovrintendente capo del commissariato), Alessandro Sperduti (Marco Cantabella, agente scelto e vecchio amico di Malik), Margherita Vicario (Cinzia Repola, sovrintendente e moglie di Marco), Gianluca Gobbi, Giorgia Salari, Claudia Vismara (Monica Porta, psicologa e nuova compagna di Malik), Eduardo Valdarnini, Adriano Pantaleo, Daphne Scoccia (Ottavia, informatrice e persona di fiducia di Carlo), Margherita Laterza (Clara, prima moglie di Carlo data per morta, ma tornata a Roma per sistemare i suoi conti con la giustizia), Luca Cesa, Sabrina Martina, Fabien Lucciarini, Alessia Barela (Cristina Reggelli, seconda moglie di Carlo, di professione edicolante), con la partecipazione di Angela Finocchiaro (Giovanna Di Castro, medico legale e mentore di Alba) e Caterina Guzzanti.

Il primo episodio

Il primo episodio della terza stagione, intitolato Segreti e bugie, è già disponibile in anteprima su Rai Play (in due parti da 50′ ciascuna).

Clara esce dal carcere perché la sua pena è stata commutata negli arresti domiciliari, che sconterà presso la figlia Alba. Tuttavia, al momento dell’uscita scompare nel nulla e, mentre la figlia pensa che sia stata rapita, il marito Carlo ritiene che si tratti di una fuga volontaria. Bruno e Alice, la seconda famiglia di Clara, arrivano a Roma da Ginevra e lei riconosce l’uomo che ha portato via la donna perché lo ha visto parlare con la madre due anni prima. Anche quando Bragadin scopre sul computer di Carla le foto di una donna con una valigia, scattate di nascosto alla stazione Termini, tutto si risolve in un nulla di fatto.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST