Da settembre aumentano i costi degli abbonamenti a Prime Video

È giunta nella notte la notizia dell’aumento dei costi degli abbonamenti a Prime Video o, più correttamente, ad Amazon Prime e a tutti i servizi correlati a questo pacchetto, fra cui anche la piattaforma streaming.

Le modifiche agli abbonamenti Prime

La nuova tariffa si applica ai rinnovi che scattano dal 15 settembre 2022 e per le nuove sottoscrizioni.

Si tratta dei primi rincari di Amazon Prime dal 2018, anno in cui l’abbonamento annuale aumentò di quasi il 100% (da 19,99€ a 36€). In questo caso, invece:

  • L’abbonamento annuale a Prime salirà da 36€ a 49,90€ (+38,6%);
  • L’abbonamento mensile a Prime salirà da 3,99€ a 4,99€ (+25,1%);
  • L’abbonamento annuale a Prime Student salirà da 18€ a 24,95€ (+34,7%);
  • L’abbonamento mensile a Prime Student salirà da 1,99€ a 2,49€ (+25,1%).

Una decisione giustificata nell’informativa generale inviata ai clienti Prime con l’aumento generale e sostanziale dei costi complessivi dovuti all’inflazione, ed effettuata basandosi sulla clausola n.5 dei Termini e condizioni. La stessa clausola dà, comunque, diritto ai clienti di rifiutare le modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali, dando loro la possibilità di cancellare l’iscrizione a Prime in qualsiasi momento.

Il precedente di DAZN

Non sembra essere, quindi, il momento migliore per sottoscrivere un nuovo abbonamento alle piattaforme streaming. Il 9 giugno scorso, infatti, anche DAZN aveva dato notizia ai propri clienti di un nuovo listino prezzi che sarebbe entrato in vigore dal 2 agosto 2022 in vista della seconda delle tre stagioni di Serie A TIM in esclusiva sulla piattaforma. Queste le novità:

  • Abbonamenti standard a 29,99€ al mese, con la possibilità di registrare fino a due dispositivi e di guardare i contenuti in contemporanea ma soltanto con lo stesso IP, mentre questa possibilità è esclusa se uno dei due dispositivi è utilizzato in mobilità.
  • Abbonamenti Plus a 39,99€ al mese, con la possibilità di registrare fino a sei dispositivi e di guardare i contenuti in contemporanea da due dispositivi fra quelli registrati, anche se non connessi alla rete Internet dell’abitazione del cliente.

Inoltre, DAZN ha modificato ulteriormente i termini e le condizioni contrattuali, riservandosi la possibilità di altri rincari nel corso della stessa stagione.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST