Spaccapietre: su RaiMovie un film di denuncia contro caporalato e vittime del lavoro

Per il ciclo Italiani in Mostra va in onda in prima visione su Rai Movie nella serata di sabato 24 settembre, a partire dalle ore 21:10, il film drammatico Spaccapietre, diretto da Gianluca e Massimiliano de Serio nel 2020. L’opera è stata presentata in concorso nell’ambito delle Giornate degli Autori durante la 77ª edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

In seguito ad un incidente nella cava in cui lavora come spaccapietre Giuseppe (Salvatore Esposito) si procura una grave ferita ad un occhio e questo gli rende impossibile il ritorno alla sua attività.

Per superare le problematiche economiche che si ripercuotono sul proprio nucleo famigliare la moglie Angela (Antonella Carone) è costretta a fare la bracciante stagionale nelle campagne pugliesi, dove viene sfruttata fino a lasciarvi la pelle.

Giuseppe promette allora al figlioletto Antò (Samuele Carrino) di restituirgli sua madre dal regno dei morti ma, per riuscirci, dovrà capire innanzitutto come Angela sia morta e, per questo, deciderà di lavorare per Mimmo (Giuseppe Loconsole), il crudele supervisore che aveva già dissanguato sua moglie.

Giuseppe si trasferirà così col bambino in una baraccopoli e qui stringeranno amicizia con Rosa (Lucia Lanera), una donna vittima di volenze da parte Mimmo. Padre e figlio proveranno a salvarla dal suo brutale destino correndo a loro volta un grosso pericolo…

Film di denuncia, contro il caporalato e sull’invisibilità delle vittime del lavoro, immerso tra le campagne di una Puglia che appare senza tempo.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST