SuperSex: Alessandro Borghi sarà Rocco Siffredi nella serie Netflix, ecco dettagli e retroscena inediti

Netflix ha annunciato ufficialmente l’inizio delle riprese per SuperSex, nuova miniserie italiana che vede Alessandro Borghi rivivere la vita del pornodivo Rocco Siffredi. Sarà composta da 7 episodi visibili sul servizio streaming nel 2023.

Al centro del racconto aspetti inediti della pornostar, un racconto profondo che attraversa la sua vita fin dall’infanzia. La sua famiglia, le sue origini, il suo rapporto con l’amore, il punto di partenza e il contesto che lo ha portato ad intraprendere la sua strada nella pornografia.

Oltre ad Alessandro Borghi, in SuperSex il cast è formato da Jasmine Trinca, Adriano Giannini e Saul Nanni nei ruoli, rispettivamente, di Lucia, Tommaso e Rocco ragazzo.

Ad aggiungere altri dettagli è, su Twitter, il giornalista Gianmaria Tammaro. Le riprese sono iniziate a Roma da almeno due settimane, poco dopo il Festival di Venezia. La prima parte della serie parlerà dell’adolescenza di Rocco Siffredi con i casting che hanno visto coinvolti volti giovani.

Siffredi verrà raccontato dal punto di vista femminile: nella produzione di SuperSex, infatti, Francesca Mazzoleni è alla regia, Francesca Manieri è alla sceneggiatura e Daria D’Antonio è alla fotografia. Tra i personaggi della trama c’è quello di Moana Pozzi. Infine SuperSex sarebbe attesa nella seconda metà del 2023 e, dal punto di vista editoriale, avrebbe già avuto qualche piccolo problema con la quantità di scene di nudo presenti nella serie.

Alessandro Borghi è Rocco Siffredi nella serie SuperSex di Netflix. – Foto di: Lucia Iuorio

Tornando, invece, al comunicato ufficiale, riportiamo le dichiarazioni di Francesca Mazzoleni, che è anche creatrice di SuperSex: “È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo, ad accettare che il demone che ha in corpo sia conciliabile con l’amore. Per farlo deve mettere a nudo l’unica parte di lui che non abbiamo mai visto: la sua anima. SuperSex parla di oggi, parla di noi. Cosa vuol dire essere maschi? Siamo ancora capaci di conciliare la sessualità e l’affettività? Queste le domande che come un caleidoscopio si aprono davanti a noi mentre ci immergiamo nella sua incredibile vita fino a perdere il fiato”.

La serie è prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment, una società del gruppo Fremantle, e da Matteo Rovere per Groenlandia, società del gruppo Banijay.

Alessandro Borghi è Rocco Siffredi nella serie SuperSex di Netflix. – Foto di: Lucia Iuorio
Ruben Trasatti
Ruben Trasatti
Giornalista pubblicista. Fondatore di TeleNauta. Specialista in creatività, testardo, idealista. Vado a scovare gli ascolti dei canali europei, format e serie tv, anime giapponesi. Collaboro per il settimanale Telesette.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI POST